Giornata del malato 2014

Crocefisso, Giotto S. MAria Novella - Firenze22a Giornata mondiale del malato.
Fede e carità: «Anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli» (1 Gv 3,16)
Legggi il messaggio di papa Francesco

Preghiera del malato
Ti rendiamo grazie e ti benediciamo
Padre santo e misericordioso,
perché hai tanto amato il mondo da dare a noi il tuo Figlio.

A te signore della vita,
che doni forza ai deboli
e speranza a quanti sono nella prova,
ci rivolgiamo fiduciosi.

Manda il tuo Santo Spirito
perché spinti della carità di Cristo
che sulla croce ha dato la sua vita per noi,
anche noi doniamo la vita per i fratelli.

Giunga a tutti o Padre, la parola che risana.
Guarisci i malati, consola gli afflitti,
e con Maria, …

Leggi tutto

Assistenza Spirituale nell’Ospedale di San Donà di Piave

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd"> Pastorale della Salute Cappellania Azienda Sanitaria ASL 10Cappellania - Pastorale della Salute

E' a disposizione delle persone che si trovano nell'Ospedale come pazienti, loro familiari, visitatori o come dipendenti dell'Azienda Sanitaria.

Dove siamo

L'ufficio pastorale si trova al pianoterra, accanto alla Chiesa dell'ospedale (segui il percorso verde)

Numeri di telefono e indirizzo e-mail:
• numero interno: 7560
• dall'esterno: 0421 227560
• tramite il centralino dell'Ospedale: 0421 227 111
• doneros.pellizzari@gmail.com

Cosa offriamo
Leggi tutto

Relazione d’aiuto – Come il medico cristiano può aiutare il malato

Tiziana MarussoIntervento della dott.ssa Tiziana Marusso per il Consiglio Pastorale Parrocchiale del Duomo di San Donà di Piave - 15.03.2010

Relazione d'aiuto
Come il medico cristiano può aiutare il malato ad affrontare, percorrere e, possibilmente, superare l'esperienza della malattia.


Sulla scena della vita credo che tutti, indistintamente, ad un certo punto devono affrontare la malattia, l'essere ammalati e tutti, indistintamente, desideriamo trovare dei bravi medici, umani, preparati che ci curino bene, che ci aiutino a guarire. Il più delle volte l'approccio con il modo della malattia non avviene tanto sulla nostra pelle, quanto su quella di un nostro familiare, di una persona che ci è cara e che accompagniamo in questo percorso, a volte molto doloroso, impervio che ci rapporta con il mondo della sofferenza, mai quantificata, mai quantificabile, sofferenza che a volte è intersecabile con il "dolore fisico" altre volte assolutamente no, perché permeata da un vissuto di perdita (di salute, di efficienza fisica) e quindi molto più profonda e personale.

 

Leggi tutto

Finalmente si può ottenere la terapia del dolore

terapia del doloreUna legge importante è stata approvata il 4 marzo 2010 dal nostro Parlamento, quasi all’unanimità, sulla terapia del dolore.
Il testo dà il via libera a regole meno macchinose per l’accesso ai farmaci antidolore e a alle cure cosiddette palliative (dal latino ‘pallium’, mantello).
La legge assicura da parte dell’istituzione sanitaria quelle prestazioni che migliorano la qualità della vita dei malati e delle loro famiglie, soprattutto quando si trovano ad affrontare i problemi di una malattia inguaribile o di una situazione terminale del malato. Le cure comprendono la terapia del dolore, ma anche l’approccio globale alla persona malata, compresi gli aspetti psicologici, sociali e spirituali legati alla malattia e all’eventuale assistenza domiciliare in collaborazione con la famiglia del
Leggi tutto

Verbale del Consiglio Pastorale – 19.01.2010

L'assemblea si riunisce alle ore 20.45 a Casa Saretta.

O.D.G.

• Accoglienza della vita ricordando l'esempio del medico Pietro Perin:
dall'insegnamento della Chiesa Cattolica: (1500) La malattia e la sofferenza sono sempre state tra i problemi più gravi che mettono alla prova la vita umana. Nella malattia l'uomo fa l'esperienza della propria impotenza, dei propri limiti e della propria finitezza ...
Come nel nostro territorio i singoli, le famiglie, le strutture sanitarie affrontano la malattia? Come sono aiutati da parenti e volontari? Come le strutture sanitarie accolgono?
• Varie ed eventuali.

 

-  Momento di preghiera preparato da Francesco Facci.


-  Don Gino introduce le relazioni di Ombretta Blengini e Loredano Milani sul tema, chiedendo quali possono essere gli orientamenti che il CPP può offrire alla comunità cristiana alla luce degli interventi che seguiranno. I due relatori hanno predisposto un testo dei loro interventi che si allega. Di seguito si sottolineano alcuni passaggi.

 

Leggi tutto

Liberi per vivere. Amare la vita, fino alla fine

amare la vitaPubblichiamo il testo integrale del manifesto sul fine vita

L’uomo è per la vita.
Tutto in noi spinge verso la vita, condizione indispensabile per amare, sperare e godere della libertà.
Il dramma della sofferenza e la paura della morte non possono oscurare questa evidenza. Chi sta male, infatti, chiede soprattutto di non essere lasciato solo, di essere curato e accudito con benevolenza, di essere amato fino alla fine.
Anche in situazioni drammatiche, chiedere la morte è sempre l’espressione di un bisogno estremo d’amore; solo uno sguardo parziale può interpretare il disagio dei malati e dei disabili come un rifiuto della vita. Persino nelle condizioni più gravi ciò che la persona trasmette in termini affettivi, simbolici, spirituali ha una straordinaria importanza e tocca le corde più profonde del cuore umano.
Leggi tutto

Il mistero del male nei piccoli

“Se si resta senza parole davanti a un adulto che soffre, che dire quando il male colpisce un piccolo innocente? Come percepire anche in situazioni così difficili l’amore misericordioso di Dio, che mai abbandona i suoi figli nella prova?
Sono frequenti e talora inquietanti tali interrogativi, che in verità sul piano semplicemente umano non trovano adeguate risposte, poiché il dolore, la malattia e la morte restano, nel loro significato, insondabili per la nostra mente. Ci viene però in aiuto la luce della fede. La Parola di Dio ci svela che anche questi mali sono misteriosamente “abbracciati” dal disegno divino di salvezza; la fede ci aiuta a ritenere la vita umana bella e degna di essere vissuta in pienezza
Leggi tutto

Giornata mondiale del Malato 2009: messaggio del papa

Il messaggio del papa dedicato in particolare ai bambini malatiCari fratelli e sorelle,

la Giornata Mondiale del Malato, che ricorre il prossimo 11 febbraio, memoria liturgica della Beata Maria Vergine di Lourdes, vedrà le Comunità diocesane riunirsi con i propri Vescovi in momenti di preghiera, per riflettere e decidere iniziative di sensibilizzazione circa la realtà della sofferenza.

L'Anno Paolino, che stiamo celebrando, offre l'occasione propizia per soffermarsi a meditare con l'apostolo Paolo sul fatto che, "come abbondano le sofferenze del Cristo in noi, così per mezzo di Cristo abbonda anche la nostra consolazione" (2 Cor 1,5). Il collegamento spirituale con Lourdes richiama inoltre alla mente la materna sollecitudine della Madre di Gesù per i fratelli del suo Figlio "ancora peregrinanti e posti in mezzo a pericoli e affanni, fino a che non siano condotti nella patria beata" (Lumen gentium, 62).
Quest'anno la nostra attenzione si volge particolarmente ai bambini, le creature più deboli e indifese e, tra questi, ai bambini malati e sofferenti.

Leggi tutto

Meditazione del Vescovo per i ministri della comunione e gli operatori della salute

Il vescovo Mazzocato alla processioneMeditazione del Vescovo in occasione del convegno del 1 marzo 2008.

"Mi sono fatto debole con i deboli per guadagnare i deboli, mi sono fatto tutto a tutti per guadagnare ad ogni costo qualcuno. Tutto io faccio per il Vangelo, per diventarne partecipe con loro".
Con queste parole si concludeva la lettura biblica che abbiamo appena ascoltato. In esse palpita tutta la passione che spingeva l'apostolo Paolo verso tutti per portare ad ogni costo e in ogni occasione la parola di luce e di speranza del Vangelo.

Per lui ogni persona che si apriva alla fede in Gesù e nel suo Vangelo, era una persona guadagnata, una persona che aveva scoperto quella salvezza e quella speranza che aveva cambiato tutta la sua vita. Veramente per Paolo, come scrivo nella lettera pastorale dl quest'anno, il più grande gesto d'amore era quello di condividere con altri il suo incontro personale can Gesù: "Tutto io faccio per il Vangelo, per diventame partecipe con loro".

Leggi tutto

Giornata della carità. 10.02.08

La caritas vicariale, ricordando il 150° anniversario delle apparizioni di Lourdes (11 febbraio 1858), alla fine delle messe domenicali, ha ricordato anche il tema della giornata mondiale del malato: la famiglia come luogo di cura e di speranza nella malattia. In particolare ha richiamato l’attenzione su un modo nuovo e attuale di “prendersi cura” dei deboli: rendendosi disponili per il compito di “amministratore di sostegno”. E’ una figura prevista da una legge del 2004, per la quale si può aiutare chi si trova in difficoltà a motivo di parziale  invalidità fisica o mentale, senza ricorrere all’interdizione o inabilitazione totale. L’amministratore di sostegno viene nominato dal giudice, può essere un parente o un volontario, avrà cura della persona e del patrimonio …

Leggi tutto