Il “Cerchio Mariano” nel giorno dell’Immacolata

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
Cerchio marianoVerso le 12.00 di domenica 8 dicembre in Oratorio si è svolto il tradizionale "Cerchio Mariano". È il momento vissuto in tutte le case salesiane del mondo, che consiste nel ricordare l'incontro tra don Bosco e Bartolomeo Garelli (un muratore astigiano di 16 anni) l'8 dicembre 1841, Festa dell'Immacolata.
Il sagrestano, vedendo Bartolomeo in un angolo della sagrestia, dapprima lo invitò a servire Messa, poi, poiché il giovane si rifiutava di farlo, lo picchiò e cominciò a cacciarlo via in malo modo. Ma in sua difesa intervenne lo stesso don Bosco che doveva presiedere la Messa, dicendo che era suo amico e doveva lasciarlo in pace.
Al termine della Santa Messa don Bosco raggiunse Bartolomeo per fargli un po' di catechismo, ma prima pregò la Madonna con un'Ave Maria. Come ricordò don Bosco: "Questo è l'inizio del nostro Oratorio, che fu benedetto dal Signore e crebbe come non avrei mai immaginato". Quest'anno c'è stata anche la semplice rappresentazione dell'episodio. L'incontro si è concluso con la recita dell'Ave Maria, come il Santo invitava i suoi ragazzi a fare.
Leggi tutto

Omelia di don Enrico Gaetan, direttore dell’Oratorio

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
I fedeli transitano presso l'urna di Don Bosco nella chiesa dell'OratorioXXXIV T.O. Anno C - Oratorio S. Donà, 24 novembre 2013
Solennità di Cristo Re - Peregrinazione dell'urna di don Bosco
La solennità di Cristo Re che oggi celebriamo segna il termine dell'anno liturgico e dell'anno della Fede. E' tempo di bilanci! Per il nostro Oratorio, per le nostre comunità educative, per le nostre famiglie, per i nostri giovani, lungo quest'anno ci sono stati due eventi, oserei dire due segni, meglio ancora, due doni inequivocabili della Grazia.
In meno di 10 mesi abbiamo avuto due visite speciali e importanti: a gennaio è venuto nel nostro oratorio don Pascual Chavez, 9° successore di don Bosco. Oggi tra noi abbiamo don Bosco stesso. Sono segni di una presenza viva, di un legame forte, di un affetto profondo che da 85 anni lega i salesiani e questa città.
In questo momento, nel mio cuore si mischiano 2 sentimenti: imbarazzo ed emozione.
Leggi tutto

Don Bosco tra noi, Domenica 24 novembre 2013

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
L'Eucarestia delle 9.30 in Duomo con l'urna di Don Bosco (foto Luigi Basso)Dopo vari giorni di attesa, la preparazione con momenti di riflessione, di preghiera e le confessioni, finalmente l'urna con le reliquie di san Giovanni Bosco è arrivata da Chioggia a San Donà di Piave, accompagnata dal salesiano coadiutore Raffaele Penzo, in rappresentanza della comunità religiosa dell'Oratorio.
Prima dell'arrivo nella nostra città l'urna ha peregrinato (dal 2010) nei diversi continenti e in diverse regioni d'Italia, dove sono presenti case salesiane. E dopo il Triveneto ancora continuerà in Piemonte e Lombardia.
Accolta dalle campane suonate a festa, l'urna è arrivata poco prima delle 9 davanti al Duomo, "scortata" da una lunga fila di ragazzi e adulti in bicicletta, tutti con palloncini arancione, e dagli allievi del Centro di Formazione Professionale in moto.
Appena scaricata dall'apposito furgone che sta girando l'Italia, i numerosi presenti vi si sono stretti attorno ed hanno applaudito di gioia.
Leggi tutto

I sessant’anni della chiesa dell’Oratorio Don Bosco

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
Il pieghevole sulla chiesa dell'OratorioEra l'8 dicembre 1952, Festa dell'Immacolata, quando si ebbe l'inaugurazione ufficiale della nuova chiesa dell'Oratorio, la cui costruzione era iniziata nel settembre 1947 con la posa della prima pietra, con direttore don Domenico Trivellato. Il direttore che portò a termine l'opera era un altro Domenico, don Moretti.
Al freddo di un ambiente ancora grezzo e disadorno, si era celebrata la prima messa aperta ai fedeli (alle 5 del mattino...!), fra la commozione generale della gente che aveva invocato la Vergine con le parole riportate nell'immaginetta ricordo.
"Celebrata la santa messa delle 8 Monsignor Saretta accolto festosamente dalla banda, (...) preceduto dagli Scouts e da molte bandiere, entra nel magnifico tempio stipatissimo di giovani per la solenne benedizione. Al vangelo monsignore rivolge la sua vibrante e commossa parola alla gran massa di giovani (un migliaio), loda don Bosco e i Salesiani. Alle 10 solenne messa cantata con accompagnamento di orchestra di archi perché manca l'organo... Sono presenti l'architetto Brenno Del Giudice che disegnò l'altare e la chiesa, il signor Mario Moretti di Murano che regalò le lampade della chiesa ed altri benefattori..." (tratto dal volantino ricordo a cura dell'Oratorio).
Leggi tutto

San Liberale – le reliquie del santo a S. Donà

Il Vescovo, per rinnovare la devozione al Santo patrono della diocesi di Treviso nell’anniversario della morte, ha indetto una peregrinatio Sancti Liberalis, proponendo che le spoglie sostino nei cinque principali centri della chiesa trevigiana.

A San Donà sono rimaste dal 18 al 25 maggio 2001
Ecco una breve nota biografica sulla figura del Santo Patrono.

San Liberale
Legame con la chiesa matrice di Aquileia, fedeltà fino al martirio, costante punto di riferimento per le comunità della Marca Trevigiana: queste sembrano essere i caratteri per cui San Liberale è  stata scelto il patrono della diocesi di Treviso.

Leggi tutto