Orari delle celebrazioni della Settimana Santa

CELEBRAZIONI DELLA COLLABORAZIONE PASTORALE CITTADINA

La Settimana Santa sarà radicalmente diversa da quelle vissute negli anni scorsi.

Non ci sarà la possibilità di confessarsi. Ognuno, per essere perdonato, è invitato a recitare l’atto di dolore con sincerità di cuore, accompagnato dal proposito di confessarsi appena possibile.

Non ci sarà, ovviamente, nemmeno l’adorazione eucaristica che si faceva nei giorni di lunedì, martedì e mercoledì. Possiamo sostituirla con qualche momento di preghiera in famiglia. Suggeriamo le proposte della nostra Diocesi, recuperabili qui.

Leggi tutto

Dai catechisti battesimali: un libretto per il tempo di Pasqua

libretto: ‘PASQUA: UNA FESTA LUNGA 50 GIORNI Dal Triduo Pasquale alla Pentecoste’

Cari genitori,

siamo ormai prossimi alla Pasqua, festa centrale nella vita cristiana, che per la prima volta in tanti secoli di storia non potrà essere celebrata in comunità.

Anche i nostri figli hanno capito che questo è un periodo particolare: mancano la scuola, gli insegnanti ed i compagni, mancano le attività di gruppo, le occasioni di incontro, di gioco e la gioia dello stare insieme.

Non potendo andare …

Leggi tutto

Dai catechisti battesimali: un libretto per il tempo di Pasqua

Scarica il pdf del libretto: ‘PASQUA: UNA FESTA LUNGA 50 GIORNI Dal Triduo Pasquale alla Pentecoste’

I catechisti battesimali hanno pensato di proporre un piccolo sussidio per incontrare Gesù nella piccola chiesa domestica, che coinvolga per quanto possibile anche i bambini più piccoli di 2-3 anni. Ciascun giorno della settimana santa e delle domeniche di Pasqua può essere indicato con qualche segno particolare. Nella seconda parte del libretto troverete i disegni dei simboli pasquali della tradizione, che si possono ritagliare …

Leggi tutto

L’omelia della domenica di Pasqua

Omelia di mons. Paolo Carnio alla Domenica di Pasqua

Da giovedì sera stiamo celebrando il mistero fondamentale della nostra fede: la passione, morte e risurrezione di Gesù Cristo.
Se il patire e il morire ci sono stati abbastanza familiari e non abbiamo avuto difficoltà a comprenderli e ad entrarvi, ci è certamente più faticoso comprendere cosa significa “risorgere”. Si tratta di un’esperienza meno familiare, meno immediata, anche se non ci è estranea del tutto. Per questo anche Maria Maddalena e …

Leggi tutto

Pasqua: Non più schiavi della paura

Road to Emmaus di Michael Torevell“La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano I discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo soffiò e disse loro: «Ricevete Io Spirito

Leggi tutto

L’intervento di don Marco di Benedetto all’incontro con il Gruppo Liturgico

Casa Saretta, giovedì 10 marzo 2016

 

CELEBRARE E VIVERE LA PASQUA

Introduzione
Lo scopo di questo mio intervento non è quello di offrire indicazioni pratiche su come celebrare, come cantare, come leggere nei giorni di Pasqua…ma è quello di restituire ai nostri diversi servizi alla comunità il loro senso profondo, nella convinzione che i giorni della Pasqua annuale siano i giorni più difficili per farlo e, allo stesso tempo, i giorni migliori per provarci.

Se qualcuno ci chiedesse a bruciapelo: …

Leggi tutto

Il messaggio del nostro parroco per la Pasqua

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">

Duomo di San Donà - Resurrezione “LA MORTE DI GESÙ È LA SOLENNITÀ DEL MONDO!”

Così si esprime sant’Ambrogio in un libro sulla morte del fratello Satiro. Gesù, infatti, si è donato sulla croce per tutto il mondo e non appena per un gruppo di privilegiati. E la sua morte è una solennità perché, attraverso di essa, ha sconfitto il male e la morte per gli uomini e le donne di ogni tempo e di ogni area geografica, inaugurando una vita radicalmente nuova.

Questa vita nuova si chiama “vita spirituale” che, badiamo bene, non va intesa come il contrario della vita umana concreta; anzi, si tratta proprio della vita umana normale, quotidiana, vissuta però “nello Spirito di Cristo risorto”, cioè illuminata e plasmata, penetrata e condotta dallo Spirito Santo, realizzata secondo i criteri di Dio.

Quando dunque parliamo di “vita spirituale” non intendiamo appena la vita di preghiera o le pratiche devozionali, ma la vita di ogni giorno. Questa Vita nuova ha iniziato a pulsare in noi il giorno del nostro battesimo, ma ha dimostrato la sua efficacia quando abbiamo cominciato a sceglierla, imitando Gesù. E questo può essere accaduto anche molto presto, quando eravamo ancora bambini. E scegliere la vita spirituale significa scegliere la via dell’amore, del dono di sé, come ha fatto Gesù.

Leggi tutto

Messaggio del vescovo per la Pasqua 2014

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">

Mons. Gianfranco Agostino Gardin"Felice come una pasqua" è il detto popolare. Non so se una "felicità pasquale" appartenga davvero alla nostra esperienza di cristiani. Nel linguaggio liturgico e nei nostri sermoni noi usiamo piuttosto l'espressione "gioia pasquale". Forse perché "gioia" sembra dire qualcosa di più interiore e più legato alla fede. "Felicità" può suonare più esteriore, o più scomposto, o più – diciamo così – profano.

In realtà c'è una grande verità cristiana in quel detto popolare che per descrivere una contentezza incontenibile la paragona a quella che scaturisce dalla Pasqua; anche se dobbiamo riconoscere che tale contentezza non sembra particolarmente evidente, di solito, nei volti di chi esce di chiesa il giorno di Pasqua. È vero che è difficile cogliere tutta la portata della risurrezione di Gesù, il suo effetto su di noi, sulla storia, sul mondo; però, siamo sinceri, spesso noi credenti di fronte all'annunzio che Gesù è risorto restiamo piuttosto freddini, e sembriamo quasi dire: va be', si sa! Oppure abbiamo l'aria di chi dice: buon per lui, se è risorto; per noi la vita resta grama e il futuro incerto, e tanti problemi quotidiani rimangono irrisolti.

Leggi tutto