San Giuseppe. Lettera mensile dei catechisti battesimali.

 

Lettera dei catechisti battesimali per le famiglie dei bambini 0-6 anni con racconto dell’insegnate Patrizia Cosmo utile per presentare ai più piccoli la storia della vita nella casa di Nazareth.

19 MARZO 2021, FESTA DI SAN GIUSEPPE
E’ un’ immagine molto bella quella che introduce questo foglio. Rappresenta la gioia di due genitori, la celebrazione della bellezza della maternità e della paternità. E’ quanto noi catechisti “contempliamo” quando siamo accolti nelle vostre case. Qui è Giuseppe che tiene in …

Leggi tutto

San Giuseppe, patrono della Chiesa

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
 San Giuseppe morente tra Gesù e Maria (D. Corompai, 1927)Il 19 marzo è la solennità di San Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria, patrono della Chiesa.
"Egli viene solitamente rappresentato vecchio, o comunque attempato, accanto alla giovane Maria Vergine. Ma egli è lo sposo vero e non già fittizio della Madonna.
Come concreto custode del Redentore nei primi anni di vita, e come suo educatore negli anni in cui il Fanciullo cresceva in età, in esperienza e nella conoscenza delle varie realtà (del lavoro, per esempio), Giuseppe ebbe un ruolo decisivo, ma nascosto, nella storia della salvezza.
Di lui i Vangeli non riportano nemmeno una parola: è stato perciò definito «dottore del silenzio». Coinvolto da Dio in maniera strettissima nella vicenda dell'Incarnazione, non la subisce, bensì la assimila e asseconda.
Santa Teresa d'Avila ne rilanciò la devozione, sicura che egli può tutto in Cielo presso Gesù che gli obbedì qui in terra." (A. M. Sicari)
C'è un riferimento storico indiretto che lega in qualche modo la Festa a San Giuseppe con San Donà.
Leggi tutto

Duilio Corompai – Transito di S. Giuseppe

Duilio Corompai. pittore (Venezia 1876 – Noventa Vicentina, Vicenza 1952). Studiò all’Accademia di Brera di Milano e si diplomò al Regio Istituto di Belle Arti di Bologna. Nel 1915 italianizzò il proprio cognome Korompay, di origine ungherese. Prese parte a parecchie biennali veneziane, alle Esposizioni Internazionali di Belle Arti di Milano, all’Esposizione Internazionale d’Arte di Monaco di Baviera, alle esposizioni annuali d’arti figurative di Torino. Le sue opere si trovano in Trentino, nel ferrarese, nel Veneto, in chiese e nei …

Leggi tutto