“Tutti a bordo” – Formazione genitori della Scuola dell’infanzia parrocchiale

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd"> I genitori dei bambini che frequentano la Scuola dell'Infanzia parrocchiale hanno partecipato ad una serie di incontri di formazione per conoscere e approfondire  il tema annuale che stanno vivendo i loro bambini a scuola: "Tutti a Bordo. L'Arca di Noè".

Don Paolo Basso, Maddalena Zilio e don Gino Perin li hanno accompagnati in questo percorso formativo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scarica il percorso formativo:

1° IL "TROPPO" CHE FA MALE Al BAMBINI. Un diluvio di immagini e spiegazioni.

2° UN PROFONDO E UN SENSO CHE TANTO CI MANCA. Quale arca ci salverà da questa sazietà? (a cura di don Paolo Basso e Maddalena Zilio).

Ascolta la relazione :

3° IL Sì DI MARIA (don Gino Perin)

Leggi tutto

Camposcuola vicariale: Giovanissimi alla scoperta della propria identità

Campo giovanissimi Azione CattolicaCamposcuola vicariale di Azione Cattolica 1^ - 2^ superiore: Giovanissimi alla scoperta della propria identità

Nuova location, nuova equipe, stesso desiderio di mettersi in cammino per "diventare grandi insieme"

Anche quest'anno l'Azione Cattolica del Vicariato di San Donà di Piave ha proposto ai giovanissimi delle classi 1^ e 2^ superiore un'esperienza estiva comunitaria – meglio nota come camposcuola – durante la quale approfondire uno dei temi guida dell'itinerario formativo annuale.

Una trentina di ragazzi ha "risposto all'appello", anche solleticati dal luogo assolutamente nuovo individuato per l'occasione: il centro di soggiorno "Le Conifere" a Lanzo d'Intelvi, provincia di Como. Nonostante la struttura non sia di recente costruzione, l'ampiezza dei suoi spazi esterni, il suo essere immersa nel verde di un parco privato e sufficientemente isolata dal centro cittadino ne ha fatto posto ideale per svolgere le attività previste e assicurare i necessari momenti di riposo a ragazzi ed educatori.

Leggi tutto

A proposito di manovre fiscali, crescita economica, sviluppo sostenibile, deficit pubblico…

Enzo Bianchi, Priore della Comunità di Bose La sobrietà che ci fa crescere

di Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose
La Stampa, 3 luglio 2011

"Il P.I.L. misura tutto, eccetto ciò che rende la vita degna di essere vissuta. Può dirci tutto sul nostro paese, ma non se possiamo essere orgogliosi di esserne cittadini". Mi viene spontaneo tornare al discorso che Robert Kennedy pronunciò all'Università del Kansas nel marzo 1968 – solo tre mesi prima di essere assassinato – ogni volta che sento parlare di manovre fiscali, crescita economica, sviluppo sostenibile, deficit pubblico... Sì, perché credo che siano argomenti che non riguardano solo politici ed economisti, ma che dovrebbero aprire la riflessione alla qualità della nostra vita quotidiana e della convivenza nella società civile. E tematiche di questo genere dovrebbero essere affrontate con uno sguardo più ampio, non limitato a facili contrapposizioni tra economia di mercato e stato sociale o improbabili alternative secche tra crescita dei consumi e povertà incombente.

Leggi tutto

Comunioni e cresime, battesimi e matrimoni… e poi?

Nella nostra città sono una pratica osservata da quasi tutte le famiglie. Si può dire che le celebrazioni, in genere, sono anche partecipate e belle, al punto che non è difficile raccogliere commenti positivi di gradimento e soddisfazione.

Ma la valutazione non può fermarsi qui, purtroppo.

I sacramenti, sappiamo, costruiscono il cristiano e lo attrezzano per vivere il più possibile come è vissuto Cristo: creatura nuova, figlio di Dio, capace di perdonare settanta volte sette, assiduo alla mensa domenicale della parola e del pane di vita, lieto di vivere nella sobrietà e nella condivisione dei beni, ecc. Sappiamo che spetta alle famiglie vivere questi valori ed educare in prima persona i figli per i quali si son fatte …

Leggi tutto

Invito alla speranza

invito-speranzaLettera del Consiglio Pastorale Parrocchiale sui “nuovi stili di vita”, per attraversare la crisi (anche in formato PDF)

Come frutto maturo di una riflessione seria sull’uso dei beni, diventata più attuale col sopraggiungere della crisi economica, il Consiglio Pastorale Parrocchiale offre alle famiglie, alle persone e a tutta la comunità, alcuni suggerimenti concreti per assumere uno stile di vita sobrio, che aiuti a muoversi nella crisi con speranza e fiducia.

Premessa evangelica

Decidere di seguire Gesù impone una decisione sull’uso dei beni.
Il Vangelo riporta due parabole, quella di Lazzaro e l’uomo ricco (Lc 16, 19-31) e del ricco stolto (Lc 12, 31-21): sono uomini posseduti dai beni, più che possessori di beni.
Leggi tutto

CPP: ordine del giorno per lunedì 18 maggio 2009

ll Consiglio pastorale parrocchiale è convocato lunedì 18 Maggio 2009 alle ore 20.45 a Casa Saretta con il seguente ordine del giorno:

preghiera;

  1. confronto sul messaggio proposto dal Consiglio pastorale alla Comunità parrocchiale: “NUOVI STILI DI VITA PER UNA COMUNITÀ CRISTIANA CREDIBILE;
  2. informazioni del parroco;
  3. Varie ed eventuali.

La segreteria

 

Leggi tutto

Anche il vescovo di Padova riflette su “Cristiani e crisi economica”

{xtypo_rounded2} Tutto il documento a questo link {/xtypo_rounded2}
"La crisi in atto mette in discussione, prima di tutto, il nostro stile di vita personale, familiare, ecclesiale e sociale.
Come Chiesa ci sentiamo interpellati a educare e a testimoniare nuovi stili di vita che nascono da atteggiamenti e da comportamenti nuovi, partendo da una purificazione interiore dei nostri desideri, dei nostri obiettivi di vita, dei nostri sentimenti nei confronti del denaro, del guadagno, delle ricchezze utili o necessarie per vivere.
Se lo spirito è mosso, ad esempio, dalla cupidigia del denaro, dal desiderio di esibire uno status symbol narcisistico o da tendenze edonistiche, inevitabilmente nasceranno atteggiamenti sbagliati e scelte di vita dannose sia per la persona come anche per la società: consumo sfrenato, indebitamento e credito al consumo, poca propensione al risparmio, ricerca di profitti immediati e di rendite elevate, scarsa volontà di guadagnare il pane necessario col lavoro, poca attenzione all'ambiente.
In questo ci sentiamo tutti chiamati alla conversione.
Leggi tutto

Cristiani e crisi economica – Rinnovarsi nello spirito e nei modelli di vita

Messaggio del Vescovo di Padova alla Diocesi

CRISTIANI E CRISI ECONOMICA

Rinnovarsi nello spirito e nei modelli di vita

In questi ultimi mesi ho cercato di discernere, con l'aiuto dei miei collaboratori, la situazione in cui ci siamo venuti a trovare sotto l'a­spetto economico-finanziario. Ho ascoltato con attenzione persone e gruppi; in particolare ho raccolto le sollecitazioni del Consiglio pastorale diocesano e le indicazioni importanti nell'incontro del 20 dicembre u.s. con esponenti del mondo del lavoro. Dopo aver riflet­tuto, desidero rivolgervi un messaggio come contributo della Dio­cesi al bene comune.
Leggi tutto

Un dialogo interessante con don Gianni Fazzini

I nuovi stili di vita non si improvvisano.
È stato questo il tema dell’incontro serale del Consiglio Pastorale allargato tenutosi a Casa Saretta martedì 17 marzo 2009. Don Gianni Fazzini è parroco di Altino, e incaricato dal patriarca Scola per la Pastorale degli Stili di Vita della Diocesi di Venezia dal 2002. Ha iniziato il suo servizio pastorale nel Villaggio Laguna abitato dalle famiglie operaie di Mestre, e ha svolto per quasi vent’anni la sua missione in fabbrica come prete operaio.
Le sue riflessioni sono partite da alcuni dati circa l’attuale crisi economica. La lettura della situazione individua una delle cause principali nel consumo generalizzato al di sopra delle proprie possibilità presenti e future, seguendo lo slogan che assicura: “compra, che fai girare l’economia”.
Leggi tutto

Pasqua e crisi economica

Che collegamento ci può essere tra la grande festa di Pasqua e la crisi economica che stiamo sopportando? A prima vista in due fatti appaiono molto estranei.

La crisi morde il presente

La Pasqua è un evento religioso che ha le sue radici in un lontano passato, reso contemporaneo dalla celebrazione liturgica, la crisi invece ci raggiunge nel presente e morde sempre più aspramente le nostre giornate. La Pasqua è un rito religioso, spirituale, soprannaturale, che riguarda la fede e la vita morale, la crisi invece è una serie di meccanismi economici che condiziona il nel nostro tenore di vita, fa perdere il posto di lavoro, riduce i beni materiali che occorrono per vivere, impegna in una lotta quotidiana dentro e fuori casa e soprattutto al mercato.
Sono due mondi molto lontani e indifferenti: altro è la preghiera, il sacramento, la pratica penitenziale, il pellegrinaggio... e l'altro è aver perso il lavoro, diventare cassintegrato, non avere più i soldi sufficienti per pagare l'affitto e le bollette...
Eppure, a ben riflettere, si può trovare qualche punto di contatto.
Leggi tutto

Per una comunità cristiana credibile, partendo dalla scelta della sobrietà di vita

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd"> Riportiamo un sintesi della relazione e del dibattito che ne è seguito proposto alla comunità dal Consiglio Pastorale Parrocchiale  sul tema: Per una comunità cristiana credibile, partendo dalla scelta della sobrietà di vita, guidato da don Franco Marton il 10 giugno 2006.

Decidere di seguire Gesù impone una decisione sull’uso dei beni.


Gesù dice ciò che vive
Gesù è l’unico ad avere una coerenza totale tra parola e vita: ciò che ha detto prima lo ha vissuto. Quanto all’uso dei beni, il Vangelo riporta due parabole, quella di Lazzaro e l’uomo ricco (Lc 16, 19-31) e del ricco stolto (Lc 12, 31-21): sono uomini posseduti dai beni, più che possessori di beni. Leggi tutto

I numeri della crisi economica

La situazione occupazionale si sta facendo allarmante anche nel nostro Basso Piave. Numerose aziende stanno ricorrendo alla cassa integrazione (Tms, Peg Perego, Lafert…). Dietro a quelle che fanno parlare di sé perché  hanno 100 o 200 dipendenti, stanno anche le piccole imprese, che, a motivo del ridotto numero di lavoratori non hanno protezione, non potendo usufruire  di nessun periodo di cassa integrazione. Si aggiungano poi i forti ritardi nei pagamenti  delle consegne. La comunità cristiana è vigile con il Centro di ascolto Caritas e con il Banco alimentare della S. Vincenzo. Cerca anche di avvicinarsi a riflessioni culturali e morali sullo stile di sobrietà che sarebbe necessario introdurre nei nostri comportamenti economici.
Nessuna pretesa di “risolvere”, ma solo di
Leggi tutto

Verbale del Consiglio Pastorale Parrocchiale del 12.01.2009

O.D.G.

- preghiera;

1. Approfondimento e confronto in vista della proposta di un messaggio al popolo di Dio. A seguito della riunione precedente, il Consiglio propone alla comunità cristiana alcuni punti per aiutare la riflessione: in questa situazione di crisi occupazionale/economica, come aiutare le persone a guardare la realtà senza farsi condizionare da allarmismi ed entrare in una dimensionedi sobrietà tenendo collegato il Vangelo alla vita che cambia?

quali criteri per il giusto consumo?

come ci si educa alla sobrietà?

2. Impressioni sull'esperienza della Lectio divina settimanale e sui due incontri sui testi paolini con don Firmino Bianchin;

3. Proposta di incontro con Maria Letizia Celotti sulla situazione in Israele: "Il significato della presenza della comunità cristiana in Terra Santa".

4. Varie ed eventuali.

Leggi tutto