Nel ricordo di p. Sergio Teker, missionario in Cile

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
Padre Sergio Teker ad Achao nei primi anni della Casa FamigliaGiovedì 26 giugno, nel giorno della memoria del Beato Vescovo di Treviso Andrea Giacinto Longhin, nella Messa vespertina in Duomo è stato ricordato il missionario sandonatese p. Sergio Teker, scomparso lo scorso 16 giugno ad Achao (Cile).
Ha presieduto l'Eucarestia don Emilio e hanno concelebrato quattro padri salesiani. Tra questi c'era anche don Alberto Trevisan, già direttore dell'Oratorio (1976-82), che fu uno dei 40 sacerdoti che (dopo il Vescovo emerito di Belluno mons. G. Muccin) imposero le mani sul capo di don Sergio nel nostro Duomo il 16 dicembre 1978, per la sua Ordinazione sacerdotale.
I partecipati e commossi funerali del sacerdote si sono tenuti giovedì scorso 19 giugno ad Achao, isola di Chiloè, dove p. Sergio ha fondato nel 1986 una Casa Famiglia per bambini e ragazzi abbandonati.

Ripercorriamo alcune tappe della sua vita
, spesa (come annunciava nella sua prima Messa nel Duomo di San Donà, domenica 17 dicembre 1978) "per annunziare ai poveri il lieto messaggio e proclamare ai prigionieri la liberazione".
Leggi tutto

Festeggiato p. Guglielmo Teker per il suo 40° di ordinazione sacerdotale

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
P. Willy (Guglielmo) TekerLo scorso agosto in Cile, dove vive dal 1969, p. Guglielmo Teker (originario di San Donà di Piave) ha festeggiato i suoi 40 anni di sacerdozio. Partito per l'Ecuador nel 1965, ancora giovane studente salesiano, ha poi completato gli studi ed è stato ordinato sacerdote a Santiago del Cile nel 1973.
In occasione dello scorso Natale ha inviato un biglietto al Gruppo Missionario "P. Sergio Sorgon" a ricordo dell'evento: "Carissimi... Vi ringrazio tanto delle vostre preghiere e del vostro generoso aiuto che è molto importante per la mia azione missionaria. Quest'anno ho compiuto 40 anni di sacerdozio missionario in Cile!"
Riportiamo di seguito un articolo tratto dalla cronaca della Scuola Agricola Salesiana di Catemu, dove p. Guglielmo (Willy) opera da più di 25 anni.

Catemu, domenica 18 agosto 2013

La presenza salesiana di Catemu nei suo diversi fronti di animazione si è vestita a festa questo venerdì 16 agosto, giorno di nascita di San Giovanni Bosco, per celebrare il 40° anniversario di ordinazione sacerdotale di p. Guglielmo Teker Botter, salesiano che vive in questa comunità da più di 25 anni, prestando il suo servizio di accompagnamento, animazione e ministero sacerdotale.
Leggi tutto

Nel ricordo di padre Sergio Sorgon

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
Padre Sergio SorgonLa festa dell'Epifania per la nostra Comunità è occasione per il ricordo del sacrificio del nostro missionario carmelitano scalzo p. Sergio Sorgon, ucciso in Madagascar il giorno 7 gennaio 1985.
Era partito con la sua moto dalla capitale (dove si era recato per salutare all'aeroporto il confratello p. Italo Padovan), quando fu ucciso da sicari lungo la strada di ritorno per Moramanga, presso Ambatoloana.
Il suo sangue sparso è stato fecondo portatore di "una fiorente primavera", che ha visto sbocciare varie vocazioni carmelitane, tra le quali ricordiamo quella di mons. Fabien Raharilamboniaina, vescovo malgascio della diocesi di Morondava, in visita nell'agosto 2011 a Fiorentina e San Donà.
P. Sergio Sorgon viene ricordato nella santa messa vespertina dell'Epifania, nel cui pomeriggio si tiene la tradizionale lotteria, uno dei mezzi di finanziamento del Gruppo Missionario per aiutare anche economicamente tutti i missionari sandonatesi ad gentes.

I missionari sandonatesi ad gentes

Di seguito scriviamo un breve profilo dei missionari originari della nostra comunità, ricordando con riconoscenza, senza menzionarli, i numerosi altri che ci hanno preceduto in Cielo:
Leggi tutto

Una beata missionaria tra gli Shuar: suor Maria Troncatti

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
suor Maria TroncattiIl 24 novembre a Sucua, missione dell'Oriente ecuadoreño viene proclamata beata sr. Maria Troncatti, Figlia di Maria Ausiliatrice di origini bresciane, che ha speso la maggior parte della sua vita religiosa quale missionaria nell'Oriente dell'Ecuador, tra la popolazione Shuar.
La ricordiamo in modo particolare perché alcuni dei missionari sandonatesi l'hanno conosciuta.
Si tratta di p. Siro Pellizzaro e p. Giancarlo Zanutto, che operano dagli Shuar sin dal loro primo arrivo in Ecuador. Conobbero suor Troncatti anche i due fratelli Teker, p. Guglielmo (Willy) e p. Sergio: l'incontrarono nella loro prima esperienza missionaria in Ecuador, ancora studenti, prima dell'attuale loro attività pastorale in Cile.
Il coraggio di donarsi, Sergio TekerProprio p. Sergio nel suo libro di ricordi missionari "Il coraggio di donarsi" ricorda la suora salesiana nel capitolo che riportiamo di seguito.

LA MAMMA DEI SHUAR (di Sergio Teker)

Il vecchio DC 3 sorvola rumorosamente l'immensa foresta amazzonica, che dall'alto sembra un enorme tappeto verde, solcato da bizzarri fili d'argento. Dall'oblò, osservo le fiammelle che sprizzano a tratti dietro i motori. Mi fanno sentire scomodo sulla mia poltrona. Non vorrei che l'avventura finisse prima ancora di cominciare.
Il campo d'atterraggio è proprio un campo: erba alta mezzo metro, e buche in quantità. La planata è dolce. Il contatto con il terreno invece è accompagnato da forti scossoni e sbandamenti. Ma siamo arrivati. Sulla scaletta dell'aereo, una zaffata bollente mi avvampa il volto. È il primo benvenuto dell'Oriente.
Leggi tutto

Incontro con P. Francesco Cibin, da cinquant’anni in Brasile

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">
Padre Francesco Cibin, missionario sandonateseAd una settimana dal suo rientro in Brasile, dopo una breve vacanza a San Donà, il Gruppo Missionario "P. Sergio Sorgon" ha incontrato il salesiano p. Francesco Cibin che dal 1962 vive in Brasile.
Dopo cinque anni dal suo ultimo rientro in Italia ha percepito dei cambiamenti che lo hanno sorpreso, amaramente purtroppo. Ha notato infatti una fede un po' più fredda ed è rimasto impressionato dallo sgretolamento delle famiglie e dal problema dei giovani. Lì in Brasile si parla di Europa in termini di crisi...
L'amico missionario sandonatese, nel ringraziare per la vicinanza e l'amicizia che gli permettono di rimanere unito alla terra d'origine cui sempre rimane legato, ha riassunto ai presenti le vicende della sua vocazione e vita missionaria, che riportiamo di seguito quale contributo all'intera comunità.

La chiamata alla vocazione religiosa

La vocazione sacerdotale del giovane Francesco Cibin "apparve come un baleno" il 13 giugno (Sant'Antonio) del 1958, durante la Messa in Duomo, celebrata in ricordo di suo nonno. Aveva 18 anni e lavorava assieme ad uno dei fratelli nell'azienda agricola di famiglia. Dopo quell'illuminazione, a piedi scalzi tornò a casa (nella zona di Via Code) e manifestò la sua intenzione ai genitori. La reazione del padre fu che fosse... uscito di testa! Il giorno dopo il giovane ritornò a Messa ed ebbe la stessa sensazione.
Leggi tutto

Ultima lettera di don Sergio Teker

don Sergio Teker, missioanrio in CileAchao, 15 maggio 2012
Cari amiche ed amici, per motivi di salute, questa è l’ultima volta che vi scrivo, perché non ho più forza nelle braccia e nelle mani (per le mie varie malattie croniche).
Ma vi continuerò a spedire regolarmente le due solite fotografie della nostra bella famiglia.
Scusatemi, quindi e spero che con la vostra bontà ci seguirete aiutando come sempre e Dio vi benedirà.
In casa siamo 17: Pablo, Felipe, Pascual, Juan e Carolina (questi 5 con
Leggi tutto

Notizie su missione e salute di don Sergio Teker.

padre Sergio Teker, CileCaro gruppo “Padre Sergio Sorgon”, grazie per i vostri saluti natalizi.
Veramente sono felice di aver dedicato tutta la mia vita ai poveri.
Scrivo un po’ male, perché ho forti dolori alle braccia. La mia salute va di male in peggio, ma finché posso starò in piedi tra i miei ragazzi e dando amore a questa grande famiglia. (in casa siamo 14, ma spesso a tavola siamo 25-30, tutti in gran armonia).

Quest’anno per la prima volta gli aiuti sono …

Leggi tutto

Sostegno a distanza 2011

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "https://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd">

Depliant sostegno a distanzaNella nostra parrocchia c'è uno "sportello" dove versare delle quote mensili e ricevere informazioni per iniziative di sostegno a distanza, promosse dalla Caritas parrocchiale.
In Duomo ogni seconda domenica del mese, dopo le messe del mattino e dopo la messa del sabato sera, gli operatori Caritas sono disponibili a ricevere i versamenti. (scarica il depliant)

Un piccolo resoconto delle tre iniziative di sostegno a distanza:

"Cari sostenitori e sostenitrici nel corso dell'anno 2011, grazie al vostro contributo, la somma raccolta a favore del sostegno a distanza per i progetti in Myanmar, Cile e Brasile è stata di € 16.262,00 totali.

Myanmar: Case per bambini orfani o poveri - Suore della Riparazione C.F.P. S. Luigi
La cifra raccolta è pari a €.6.316,00. Tale somma, scrive Sr. Martha, è stata utilizzata per acquistare riso, vestiti, materiale scolastico, pagare la tassa per le medicine e altre necessità simili per i 34 bambini che vivono al Bawide Convent e non solo. Ci sono, infatti, anche famiglie molto povere che, pur non affidando i loro bambini alle suore, ad esse si rivolgono per avere qualcosa da mangiare.

Leggi tutto

I saluti da P. Sergio Teker da Achao, Cile

P. Sergio Teker Riportiamo il gradito scritto di P. Sergio Teker, da Achao, dove ha avviato dal 1986 una casa-famiglia per bambini e ragazzi abbandonati e poveri, chiamata Fundacion “Ayuda y Amor”.

 

Cile, 21 giugno 2011

Grazie per la vostra amicizia verso la mia piccola Opera, verso la nostra bella e grande famiglia. Una settimana fa è nato Diego, il mio ultimo nipotino.

La mia salute non va bene. Adesso ho pure artrosi al ginocchio destro.

Ma vivo sereno

Leggi tutto

Ultime notizie da p. Sergio Teker, Cile

padre Sergio TekerCile, 9 gennaio 2011

Qui in casa siamo: Rodrigo, Pablo, Felipe, Adrian, Juan; Paula, Angel Paolo, e Camila vivono con noi quando il loro papi va alla pesca del merluzzo (il che è quasi sempre); Marisela e Sergio vivono quasi sempre con noi e dipendono economicamente da noi; poi c’è Chabelita e Gladys ed io: 17 in totale.

L’anno 2010 abbiamo speso 45.000 euro e ce ne sono arrivati solo 30.000. Quindi ho il mio da fare per mantenere i …

Leggi tutto

da Padre Sergio Teker – 26 settembre 2010

Padre Sergio Teker, diocesano (26 settembre 2010 – Achao, CILE)

Qui (nella Comunità Ayuda y Amor), il 19 settembre è nato Cristofer Paolo, che vive con noi ed è bellissimo. Invece, il nostro figlio maggiore Rodrigo sul lavoro si è fatto a pezzi la gamba sinistra. Già operato, adesso ha un periodo di riposo di tre mesi.

Ho molti malanni, ma vivo felice tra i miei ragazzi e ragazze. Vi benedico. Pregate per me.

Don Sergio

Leggi tutto

don Sergio Teker dal Cile – 12 agosto 2009

Cari amiche ed amici, vi abbraccio con affetto uno per uno.
Mi immagino stare lì tra voi e conoscervi personalmente.
Ma, anche se lontani, ci unisce l'ideale di fare di questo mondo un posto migliore per tutti, specialmente per i più poveri e bisognosi.

Io vivo tutta la mia vita per questa grande famiglia che ho formato (con bimbi e bimbe abbandonati).
Due giorni fa PAOLA ha avuto un bebè: CAMILA, 3 kili e mezzo.
Bellissima! Domani vado in auto all'ospedale di Castre (a 50 Km) per portarla a casa.

Leggi tutto

Sostegno a distanza

Un anno fa la Caritas parrocchiale, svolgendo il compito di proporre iniziative di solidarietà e condivisione, ha dato avvio al progetto di sostegno a distanza rivolto a tre proposte operative:
  • FONDAZIONE AIUTO E AMORE IN CILE

  • ASILO SCUOLA COMUNITARIA “Frutos de Mães” IN BRASILE

  • CASE PER BAMBINI ORFANI E POVERI IN MYANMAR

Nel corso dei mesi le adesioni di famiglie, persone singole, associazioni, gruppi di amici, sono via via aumentate fino a raggiungere il numero di 63, proseguendo con regolarità

Leggi tutto